Los Haitises: il parco nazionale della Repubblica Dominicana premiato dal punto di vista ambientale

Riconoscimento di carattere ambientale per la Repubblica Dominicana. Il Parco Nazionale Los Haitises, situato nella baia di Samana, è stato inserito nelle top 10 delle regioni da visitare nel 2018. La classifica è stata stilata dalla Lonely Planet, fra le più vendute guide turistiche al mondo. Il volume indica Los Haitises come una delle mete da non perdere nell’anno che verrà.

I motivi? I 1.375 chilometri quadrati del parco già dal 1976 fanno parte della rete dei Parchi Nazionali della Repubblica Dominicana. Il posto è una vera e propria oasi, dove la natura è protagonista assoluta con oltre 60 isolotti di formazione calcarea che spuntano dall’acqua ricoperte da una vegetazione composta da oltre 90 specie di piante come le mangrovie, che formano la più grande foresta del paese.

A Los Haitises ci sono anche 112 specie di uccelli come aironi, pellicani e trampoliere che fanno sì che il parco sia soprannominato anche il “santuario degli uccelli”. La caratteristica di questo parco è anche che si raggiunge esclusivamente in barca, preferibilmente al mattino, quando il mare è più calmo, partendo dal porto di Santa Barbara.

Vicino alla foresta di mangrovie, ci sono le”cuevas”, grandi grotte scavate dal mare dove ai tempi della dominazione spagnola trovarono rifugio i Taino, la prima popolazione amerinda che abitò i Caraibi e che qui lasciarono traccia del loro passaggio lasciando disegni rupestri addirittura risalenti al periodo precolombiano che nessuno è mai riuscito a decifrare.

Da non perdere nel parco e anche La Pesquera, un piccolo villaggio di capanne abitato da pescatori, e la Bocca dello Squalo ossia il punto in cui sfocia il fiume Naranjo dove è possibile tuffarsi nelle sue acque trasparenti e ritrovarsi circondati da pesci tropicali. Il Parco Los Haitises è apparso in famosi film di Hollywood come “Jurassic Park” e “Pirati dei Caraibi”.

 

fonte: Rinnovabili.it

Lascia un commento