Rovereto: conclusa la seconda edizione del Forum innovazione mobilità sostenibile.

A Rovereto si è appena chiusa la seconda edizione del Forum innovazione mobilità sostenibile, un appuntamento che – attraverso i numerosi e interessanti interventi – ha ribadito con forza la necessità che anche l’Italia affronti con più coraggio (e fatti concreti) il viaggio verso la decarbonizzazione e la progressiva elettrificazione, nodo cruciale della mobilità. Fra il pubblico soprattutto addetti ai lavori, manager, startupper. Ma anche qualche curioso, studenti, innovatori e investitori del settore automotive ma non le istituzioni….

Così in questo distretto dell’innovazione italiana, centro d’eccellenza dedicato allo sviluppo dell’intelligenza artificiale e della bikeconomics, sono uscite molte proposte e temi dedicati al settore automobilistico e alla global supply chain. Insieme a dati che fanno riflettere… Come quello secondo il quale un’auto di proprietà rimane inutilizzata per circa il 95 per cento del suo tempo, mentre basterebbe il confronto con un mezzo in car sharing per vedere la percentuale di inutilizzo scendere al 60 per cento, come emerso nell’intervento della fondazione inglese Ellen MacArthuur.

Anche la condivisione è stato un tema molto dibattuto al Forum di Rovereto. Soprattutto perché in questo senso gli enti pubblici possono fare la differenza. Interessante a questo proposito l’intervento dell’israeliana Electroroad che, in collaborazione con la città metropolitana di Tel Aviv sta rivoluzionando anche le infrastrutture, creando una smart road capace di ricaricare i veicoli elettrici che la percorrono grazie a un particolare sistema di ricarica induttiva integrato nell’asfalto, così da permettere ai mezzi elettrici di ricaricarsi viaggiando. E se tutto va bene, il progetto si allargherà all’Europa.

Altro tema emerso al secondo Forum innovazione mobilità sostenibile è lo spostamento delle merci nelle grandi città, specie in tempi di e-commerce

In Italia, come ha ricordato Scania nel suo intervento, il trasporto su gomma con più dell’80 per cento è ampiamente la modalità di trasporto delle merci più utilizzata. In Europa il dato cala sensibilmente, ma rimane alto. Cosa serve? Un ecosistema integrato, piattaforme digitali intelligenti attraverso cui i camion possano dialogare fra loro, viaggiare in convoglio risparmiando energia, oppure scambiarsi informazioni sia tra loro che con l’infrastruttura su cui stanno viaggiando.

Servono anche nuove forme energetiche, come l’elettrico o il metano, con modelli come il camion LNG presentato recentemente dal costruttore svedese in anteprima mondiale a Ecomondo.

Con l’intervento di Route220, uno dei principali installatori di colonnine in Italia, il tema dell’infrastruttura di ricarica ha scoperto uno dei talloni d’Achille della mobilità elettrica in Italia, dove la rete continua ad essere limitata e soprattutto inadeguata. Cosa serve? Una gestione unificata e sistemi di pagamento semplificati, come un bancomat o una carta di credito da usare in tutte le colonnine.

Chissà se la recente campagna italiana di equity crowfunding, la prima del settore, lanciata da Route220 attraverso WeAreStarting.it, piattaforma autorizzata Consob – grazie al quale ciascun investitore, privato e professionale, potrà contribuire e beneficiare dello sviluppo della mobilità elettrica in Italia ed Europa – potrà essere lo stimolo giusto.

FCA e il suo centro ricerche CFR (che nel gruppo ha la missione di sviluppare motopropulsori, sistemi veicolo, materiali, metodologie e processi innovativi dedicati alla mobilità), insieme al Ministero dello sviluppo economico-Mise, la Provincia autonoma di Trento, le regioni Piemonte, Campania e Abruzzo, è parte dell’Accordo di programma di mobilità sostenibile dedicato ai veicoli connessi e digitali.

 

fonte: LifeGate.it

Lascia un commento